giovedì 9 luglio 2015

La rana in Spagna

Marmellata di ciliege di Spagna





...
Eliza - La rana in Spagna gracida in campagna! -
Higgins - È portentoso! È portentoso! Ma questa rana dov'è che sta? -
Eliza - In campagna, in campagna! -
Higgins - Dov'è questa campagna? -
 Eliza -In Spagna, in Spagna! -
Tutti - La rana in Spagna gracida in campagna!-
Higgins - Brava! -
Tutti - La rana in Spagna gracida in campagna!-
Higgins - Chi campa sopra quella panca? -
 Eliza - Anche la capra campa! Che caro ragazzo è il mio amico! -
Higgins -La nostra rana dov'è che sta?-
Eliza - In campagna, in campagna!-
Higgins - E dov'è questa campagna? -
Eliza - In Spagna, in Spagna! -
Tutti - La rana in Spagna gracida in campagna!-
Eliza - The rain in Spain stays mainly in the plain! -
Henry - By George, she's got it! By George, she's got it!
Now, once again where does it rain? -
Eliza - On the plain! On the plain! -
Henry - And where's that soggy plain?-
Eliza - In Spain! In Spain! -
The three - The rain in Spain stays mainly in the plain!
The rain in Spain stays mainly in the plain! -
Henry - In Hartford, Hereford, and Hampshire...? -
Eliza - Hurricanes hardly happen.
How kind of you to let me come! -
Henry - Now once again, where does it rain?-
Eliza - On the plain! On the plain! -
Henry - And where's that blasted plain?-
Eliza - In Spain! In Spain! -
The three - The rain in Spain stays mainly in the plain!
The rain in Spain stays mainly in the plain! -

Dal film "My Fair Lady" di George Cukor
Songwriters Lerner, Alan Jay/Loewe, Frederick


"La rana in Spagna gracida in campagna!" cantano in coro Eliza Doolittle, Henry Higgins e George Pickering nel film My Fair lady, almeno nella traduzione italiana. 
E la cuoca cialtrona, in campagna, con questo caldo, che fa? Gracida anche lei, lamentandosi del caldo, come probabilmente fanno le rane. e poi, avendo avvistato delle ciliege, loro sì, spagnole, per terra, decide di raccoglierle, e di farci la marmellata. 
Che poi ciliege non sono - e neanche si sa perché si chiamino spagnole - ma delle asprigne susine, frutto selvatico del prunus tricolor in fondo al giardino. 
Così aspre che è poco raccomandabile mangiarle crude, ma buone cotte, soprattutto in una marmellata che è più una gelatina, ottima da usarsi per il cheesecake. 
E speriamo che tutto ciò propizi la pioggia
In Spagna? Ma no, qui, in campagna...

Perché il caldo, quest'anno, ci dà alla testa

1300 gr di ciliege di Spagna
3 mele (circa la metà del peso) di mele non trattate
500 gr zucchero

La sera fare cuocere le susine e farle riposarein frigo tutta la notte. Togliere i noccioli dalle susine cotte. In una pentola capiente fare cuocere le mele tagliate a pezzi ma non pelate (nella buccia c'è la pectina). Una volta cotte le mele, aggiungere le susine e frullare il tutto con il frullatore a immersione. Riprendere la cotture, aggiungendo lo zucchero e fare bollire la composta, che per gelificarre dovrà essersi ridotta di circa un terzo. Farà fede la prova della goccia su un piatto.  Nel caso aggiungere un poco di pectina in polvere (circa mezza bustina.). Invasare calda in vasi sterilizzati da chiudere e conservare a testa all'ingiù fino a che non si siano raffreddati creando il vuoto (la capsula avrà un avvallamento al centro).

Posta un commento
GiornaleBlog Notizie Blog di Cucina