sabato 3 novembre 2012

Pasta diva

Bucatini arrecanati




"Pasta diva, pasta diva
hai del sol il bel calor
del mare, il sale
la lussuria al pomodoro
al fuoco rosso del Vesuvio,
al fuoco verde del basilico,
lo sai, lo sai, lo sai, lo sai, tu,
Pasta diva
sai che Parigi proverà
la bella Napoli di qua..."
Paolo Conte, Pasta Diva, Razmataz,
CGD EASTWEST,
2000

Una new entry nella cucina della cuoca cialtrona: Anna, la fidanzata dell'amico Roberto - ormai noto come il panificatore - con questa bella ricetta di un piatto tipico campano, molto apprezzato in loco ma meno conosciuto all'esterno,  dove il termine Napoli fa - in maniera troppo riduttiva - venire in mente solo spaghetti e paccheri.


Un connubio interregionale, il loro, due cuori e una cucina: lui astigiana, lei napoletana; e quindi, come sottofondo musica di Paolo Conte, con un brano che sembra sia stato scritto appositamente.
E come ultima chicca, una buffa coincidenza...Lei ha un cognome tipicamente astigiano!

Dalla cucina partenopea una ricetta facile, originale e buonissima che riassume perfettamente in un connubio perfetto di colore, sapore e profumo lo spirito mediterraneo. 
L’oro dell’olio si unisce al rosso acceso del pomodoro, al bianco candido dell’aglio e al verde dell’origano (“arecata” in napoletano, da cui il nome della ricetta) per un tripudio di golosità dal tocco patriottico.
Ideale per una serata tra amici e come valida alternativa alla solita spaghettata, è un piatto adattissimo anche alle rimpatriate domenicali di famiglia.

Per una famiglia numerosa (circa dieci persone)

750 gr di bucatini
750 gr di passata di pomodoro (1 bottiglia)
6 grossi pomodori tondi o San Marzano piuttosto maturi
2 manciate colme di origano
1 bicchiere di olio evo
1 -2 spicchi d’aglio
sale q.b.
acqua q.b

Accendere il forno a 180°.
Prendere un contenitore in cui i bucatini stiano distesi in lunghezza (non deve essere la teglia finale con cui infornerete i bucatini, ma un contenitore provvisorio); versare sul fondo il bicchiere d’olio evo e la passata di pomodoro, aggiungere l’aglio tagliato a fettine sottili e quasi tutto l’origano (lasciatene da parte 1/2 manciata). Mescolare il tutto e aggiungere sale q.b.. 
Immergere in questo composto i bucatini crudi disponendoli tutti ordinatamente per la lunghezza, mescolandoli per far arrivare il condimento ovunque, ma senza “disorientarli”/”disordinarli”, devono restare sempre tutti allineati.
Versare un po’ d’acqua (circa mezzo bicchiere) nella teglia e rimescolate.
Prendere la teglia in cui cuocere i bucatini e ungerla con un filo d’olio. 
Lavare e tagliare a fette (1 cm di spessore) i pomodori e disporne metà sul fondo oliato della teglia in modo da ricoprirlo completamente; su questo fondo trasferire i bucatini precedentemente conditi,  e ricoprire con  il condimento rimasto.
Prendere l’altra metà dei pomodori precedentemente affettati e disporli a copertura dei bucatini, aggiungendo una spolverata di origano.
Irrorare con un filo d’olio, coprire e infornare per 45’ circa a 180° gradi, rigirando ogni ¼ d’ora circa i bucatini sempre senza mischiarli tra loro, ma lasciandoli sempre ordinati e paralleli e aggiungendo un po’ d’acqua tiepida se si asciugano troppo.
Dopo 40’ assaggiare se i bucatini sono cotti - devono rimanere un po’ al dente -  se cotti scoprirli e lasciarli al grill per altri 5’ in modo che formino una leggera crosticina. Se necessitano ancora di cottura lasciarli cuocere ancora calcolando comunque 5 minuti conclusivi di grill senza coperchio.
Sfornare, servire, spolverare di formaggio (parmigiano o pecorino grattugiato se piace) e consumare (munendosi di ampi tovaglioli per evitare schizzi!!!!). 
Se i bucatini vi piacciono più cotti è possibile anche cuocerli molto al dente precedentemente e poi condirli , infornare e cuocere come sopra.  Buon appetito!
Posta un commento
GiornaleBlog Notizie Blog di Cucina