venerdì 16 marzo 2012

Giallo cromo

Risotto al limone e curcuma




Ricettina rapida - economica  ma chic - per un primo veloce e aromatico, quando non si ha molto nel frigo, a parte un limone, e in dispensa gli onnipresenti riso, aglio (o cipolla) e spezie...

Buono l'abbinamento con la curcuma - non solo per il sapore delicato, che ben si sposa con la buccia di limone, ma anche per le proprietà terapeutiche - pare infatti che il principio attivo contenuto nella curcuma, la curcumina, sia un potente antiinfiammatorio, un cicatrizzante, un antiossidante, capace di contrastare malattie  neurodegenerative quali l'Alzheimer (e questo secondo ricerche condotte dal  CNR di Catania, Università di Catania, Università di Pavia e il New York Chemical College), un potente antitumorale (specie per quanto riguarda i tumori della pelle) e non solo...pare sia un ipoglicemizzante, che faccia pure bene al diabete (di tipo2) e che non disdegni di giovare anche nella prevenzione delle malattie coronariche, abbassando il colesterolo...ragioni per cui è utilizzata da secoli nella medicina ayurvedica e in quella cinese.

La curcuma - che nei negozi si trova in polvere secca - è ricavata da una radice della famiglia dello zenzero, e viene prevalentemente coltivata in India, ma anche in Cina, Indonesia e Costa Rica; si trova facilmente nei negozi di cibo etnico - in particolare mediorientali, magari sotto il suo nome inglese, turmeric -  e, a modico prezzo, colora di un bel giallo - di una tonalità più pallida  rispetto a quella dello zafferano, come più delicato è il suo sapore - i piatti nei quali viene usata, sposandosi così con altri aromi (e infatti è uno degli ingredienti di quel misto di spezie che è il curry).

Questo risotto cromoterapeutico può essere gustato da solo o in compagnia di un petto di pollo e tacchino al limone - da infarinare, friggere in burro o olio e irrorare a fine cottura con il succo di limone avanzato dalla preparazione del riso - magari con un contorno di verdure di stagione saltate.

Per due golosi salutisti

5 pugni di riso
un cucchiaio di olio evo
uno spicchio d'aglio
un rametto piccolo di rosmarino
buccia di limone grattugiata (a piacere ma, se volete il mio parere, non più di un quarto); il limone, va da sé, deve essere biologico o comunque non trattato con pesticidi o quant'altro
sale qb
pepe qb
mezzo dado vegetale
curcuma (a piacere, magari un cucchiaino raso da te, il giusto per dare colore, sapore, e salute...)
acqua

In una pentola bassa mettere a scaldare un cucchiaio di olio e lo spicchio d'aglio, sbucciato e tagliato in due; aggiungere il riso e farlo tostare, a fuoco basso, sempre mescolandolo con un cucchiaio di legno perché non si scurisca; quando comincia a diventare trasparente - dopo circa un minuto o due - aggiungere il dado, acqua quanto basta a coprire - o l'equivalente in brodo vegetale - il sale, il rosmarino (facoltativo) e la curcuma; a metà cottura aggiungere della buccia di limone grattugiata - solo la parte esterna, perché la parte bianca renderebbe il piatto amaro - e terminare la cottura, avendo cura di aggiungere acqua o brodo se necessario.
Prima di servire in tavola, mantecare con due cucchiai di latte, volendo.

Un po' di pepe nero, che contiene la piperina,  pare sia in grado di aumentare mille volte l'assorbimento della curcumina...quindi perché non aggiungerlo, prima di gustarsi il risotto?
Posta un commento
GiornaleBlog Notizie Blog di Cucina