martedì 25 agosto 2015

Fuori capitolato

Strudel facile assai cialtrone




Un piatto che più cialtrone non si può, e, ovviamente, assolutamente al di fuori di ogni capitolato per l'assegnazione del nome di prodotto tipico; però facile - soprattutto se la sfoglia la comprate già fatta - e buono.
E forse pure sano, almeno perché non contiene zuccheri aggiunti oltre alla frutta. 
Veloce da fare, quando si hanno ospiti, e un successo sempre sicuro.
Che volere, di più?

1 rotolo di pasta sfoglia (240/300 gr)
o, volendo farla da soli, la ricetta della pasta sfoglia furba alleggerita qui

4/6 mele
6 fichi secchi (o datteri, o altra frutta secca)
1 manciata di uvetta sultanina
10 amaretti
cannella qb
zucchero a velo

Mettere l'uvetta in ammollo in acqua tiepida per circa mezz'ora, mentre si procede a tagliare in quarti le mele, pelarle e affettarle finemente.
Stendere la pasta sfoglia in maniera da farla diventar quanto più sottile possibile, compatibilmente con il ripieno che deve sostenere. Suggerisco di tagliarla in due, insieme alla carta da forno, conservando quest'ultima che sarà di aiuto ad avvolgere la pasta dello strudel intorno al ripieno e potrà poi essere lasciata sotto per la cottura; personalmente preferisco fare due strudel - che saranno comunque di giuste dimensioni, piuttosto che uno enorme, più difficile da gestire e presentare sul piatto.
In un mixer tritare gli amaretti insieme ai fichi già tagliati in pezzi; aggiungere la cannella e spargere il trito ottenuto in parte sulla sfoglia e in parte mescolarlo con le mele e l'uvetta ben strizzata.
Spargere il composto sulla sfoglia e avvolgere la pasta intorno, in modo da formare lo strudel; chiudere bene i lembi di pasta e, prima di infornare, punzecchiare la superficie con i rebbi di una forchetta, in modo da creare uno sfogo per il vapore di cottura. Appoggiare delicatamente gli strudel sulla teglia del forno già caldo, servendosi della carta da forno, e cuocere per circa 30 minuti a 180/200 gradi; la parte sottostante potrebbe risultare un poco umida; togliere gli strudel dalla teglia e poggiarli, sempre prendendoli insieme alla carta da forno, direttamente  sulla griglia, continuando la cottura con la parte inferiore dl forno, fino a che non si saranno asciugati.
Servire gli strudel freddi, dopo averli cosparsi con zucchero a velo (che aiuta a mascherare anche eventuali incidenti di cottura, il che non è male...).


Posta un commento
GiornaleBlog Notizie Blog di Cucina