lunedì 20 giugno 2016

L'acciuga retorica 2. Il ritorno.

Acciughe ripiene alla ligure






Su suggerimento del dottor Guido - che sulla mia pagina Facebook commentando la ricetta delle acciughe ripiene di acciughe, gentilmente mi ha postato la versione di acciughe ripiene che preparava la sua nonna - ho preparato questa nuova versione.
E, che dire, non c'è dubbio ... buona la prima, ottima la seconda
E ciò rimane vero nonostante abbia effettuato qualche piccola modifica, dovuta non alla sfiducia quanto piuttosto al fatto che le mie dosi erano solo per due persone, e il mettere anche le uova nella farcitura avrebbe reso l'impasto troppo liquido; Nella mia variante ho utilizzando solo acciughe - e senza farle cuocere per mantenere la giusta umidita - oltre, beninteso, al formaggio, all'aglio e alla maggiorana.
L'uso del Pecorino o del Primo Fiore non è opzionale, ma obbligatorio, per dare al fritto la giusta sapidità 
E, ovviamente, occorre essere assai prodighi con la maggiorana e, va da sè, usare un buon olio extravergine di oliva.
Per quanto riguarda le dosi, una buona quantità è di sette acciughe una persona, una delle quali verra utilizzata per il ripieno.

Di seguito la ricetta originale. Da provare al più ​​presto
"Si puliscono le acciughe e si aprono. 
Poi si fa un ripieno con acciughe fresche cotte e passate al setaccio (ai tempi di mia nonna il minipimer non c'era😄 )
Poi in un una ciotola si aggiungono 2/3 uova, formaggio pecorino dolce (Fiore) grattuggiato, un trito di aglio e molta maggiorana, sale e pepe
Si mescola bene e si lascia riposare mezz'ora. 
Poi si prende una cucchiata abbondante dell'impasto, si mette su un'acciuga, si copre conun'altra acciuga, si fa doppia impanatura di farina e uovo sbattuto.
Si frigge in abbondante olio evo e voilà
Da leccarsi i baffi.
L'insalata amara a Genova non si trova il tarassaco E allora si usa "u raddicciun" che sarebbe la cicorietta, tagliata bene bene con pomodori.
Buon appetito! 
Io ci berrei un Rossese, non superiore.
O se volete un bianco, ma sulle acciughe il rosso ci sta da Dio, un bel Pigato 
Buon appetito. "

E, aggiungerei, grazie mille per la splendida ricetta!
Posta un commento
GiornaleBlog Notizie Blog di Cucina