martedì 3 marzo 2015

Crumble del gatto che tossisce

Crumble di mele con farina di castagne




Un dolce fine pasto, tra la frutta e il dessert, insomma un dolcino, un qualcosa di buona facile da preparare, che fa fare bella figura con gli ospiti e, come se non bastasse, pure gluten free; si tratta di un crumble che l'anno scorso imperversava sui blog di cucina francesi.
Il nome? Come insegna l'esperienza della torta del duca di Argyll, credo derivi da quello di un locale, anche se qualche cuoca dopo averlo provato nella versione originale, sostiene che il gatto tossisse per l'eccesso di zucchero; ragion per cui quella che riporto è la versione da me riveduta e corretta.

Per sei porzioni d qualcosa di buono

5/6 mele
10/12 cucchiai abbondanti di farina di castagne
4 cucchiai rasi di zucchero
4 cucchiai di burro
1 cucchiaino da caffè di cannella (facoltativo)
il succo di un limone (facoltativo)

Sciogliere il burro a fuoco lentissimo, poi amalgamarlo in un piatto insieme alla farina di castagne e allo zucchero compattandolo con le dita in modo da formare delle briciole; mettere il piatto con le briciole a riposare in frigo.
Pelare le mele e tagliarle in fettine sottili, con cui riempire delle tazze o delle piccole terrine da forno; riempire bene le terrine considerando il fatto che la frutta con la cottura calerà di volume; la ricetta francese suggerisce di aggiungere alle mela anche del succo di limone, della cannella e dello zucchero vanigliato; personalmente li considero facoltativi, soprattutto lo zucchero, che renderebbe troppo dolce il composto.
Coprire la superficie delle tazzine con le briciole del crumble; se la quantità di briciole non fosse sufficiente prepararne dell'altro, mantenendo le proporzioni.
Infornare in forno caldo a cira 180/200 gradi, fino a che la crosta del crumble non divetenrà dorata e croccante (occorreranno all'incirca 10 minuti).

Posta un commento
GiornaleBlog Notizie Blog di Cucina