martedì 23 febbraio 2016

Sfoglie essiccate ovvero chips di cavolo nero al forno

Minimalia n.43




Approfitto del fatto che adesso il cavolo nero - una volta irreperibile - si trova in qualsiasi ipermercato per preparare le chips di cavolo nero; che oltre a essere buonissime sono, va da sè, molto più salutari delle patatine fritte.
E, per di più sono pure facili da fare: occorre lavare le foglie, scolarle e tagliarle in piccoli pezzi, all'incirca di 3 per 4 cm; personalmente ho preferito togliere la costa centrale, anche se ha reso i miei pezzetti più irregolari (cosa che alla fine si è rivelata ovviamene irrilevante). 
I pezzetti di cavolo sono poi stati trasferiti in una ciotola profonda e mescolati con poco olio, quindi sparsi su una teglia rivestita di carta forno e messi a cuocere in forno ventilato a 200 gradi per circa venti minuti. A metà  cottura sono stati rigirati e salati con parsimonia  - il cavolo è già sapido di per sè - l'ideale, in verità, sarebbe una salagione con il gomasio. Importantissimo il forno ventilato, altrimenti per mangiarle potreste aspettare il prossimo inverno. Si conservano? Sì, come tutti gli essiccati. Sempre che ne avanzino.

Posta un commento
GiornaleBlog Notizie Blog di Cucina